Play Off Serie C Femm.:BFR Wallaby – Virtus Venezia 50-47…vittoria del cuore!

E’ difficile raccontare una gara come quella giocata ieri sera a Rovereto senza essere presi,a tante ore di distanza,ancora da quella emozione che ti stravolge e ti paralizza allo stesso tempo.

Una semifinale è comunque una partita tra due squadre che non sono lì per caso ma perchè se la sono meritata a suon di vittorie.BFR Wallaby e Virtus Venezia, poi, partivano assolutamente alla pari, così come avevano terminato la fase regolare del campionato, con le trentine “aiutate” dal fattore campo per la miglior differenza canestri negli scontri diretti.Ebbene, le premesse non sono state smentite dal campo che ha confermato quanto equilibrata sarà questa sfida.Agli ordini dei signori Pederzolli e Saccoman di Trento capitan Ciech sale “tre metri sopra il cielo” per conquistare la prima palla del match e dare il via ad un valzer delizioso delle Wallaby che sembra stordire le lagunari:5-0 in poche battute e tifosi già in estasi.Tutto facile quindi?Nient’affatto e ci mancherebbe!La Virtus non si perde d’animo e,con pazienza certosina,rosicchia punti, approfittando anche di qualche distrazione delle nostre in difesa, e a metà primo quarto acciuffa la parità.L’incontro è piacevole,si segna anche parecchio e il punteggio resta in altalena fino alle battute finali, che vedono le Wallaby di nuovo in pole, per chiudere il quarto a +4(20-16) grazie a tre liberi consecutivi di Ale Tela e Lia Margo dopo una bella “tripletta” da due della “solita” Sisa Scarciello (ciao mamma,ciao papà!Presenti in tribuna).Il secondo quarto vede Cimitan e compagne decisamente in palla e le Wallaby,con qualche cambio,cercare di restare in partita grazie anche alla “insolita” buona vena di Vale Ciech.I ritmi calano complice la stanchezza incipiente e il punteggio,rispetto al primo quarto,si dimezza con le ospiti che chiudono a + 3(7-10).Al riposo si va con BFR avanti di un amen(27-26) e la sensazione è che la seconda parte del match sarà faticosa e molto equilibrata.La presenza graditissima in tribuna degli amici di Riva,fresca di salvezza in A3,conforta e dà un pò di carica in più alle stanche ma determinate Wallaby che però nel terzo quarto mostrano preoccupanti segnali di cedimento.E’ sempre più difficile contenere le scorribande della indiavolata Cimitan e,nonostante gli urli e i time out di coach Debiasi,la squadra fatica a tenere le giuste distanze in campo.Non aiutano neanche i tiri da tre punti che proprio non entrano,così la Virtus si aggiudica il parziale per 13-7 e sembra l’inizio della fine per le Wallaby che cominciano l’ultimo decisivo quarto sotto di 5 (34-39) e con le forze e il morale in picchiata.I minuti scorrono  lentamente sul tabellone e,pur restando invariato il distacco,le nostre non appaiano in grado di colmarlo.Il pubblico amico però non smette di incitare le proprie beniamine,memore di non lontane,clamorose rimonte.Le squadre intanto,cariche di falli,entrano in bonus;Venezia comincia a mostrare nel gioco qualche crepa nella quale si infilano la rediviva e sgusciante Giulia Pez,l’indomito capitano Ciech e,con le forze residue, Anna Piccinni e Sisa Scarciello:i liberi guadagnati ci riportano addosso alla Virtus che sembra aver perso smalto e sicurezza.Ormai è lotta senza quartiere su ogni palla e con la forza della disperazione,sospinte dalle compagne in panchina e dal pubblico, conscio del momento entusiasmante e drammatico allo stesso tempo,le cinque eroine in campo mettono la freccia del sorpasso a due minuti dalla fine:un canestro di Pez e due liberi di Anna ci portano a +4 agli ultimi 32 secondi.Due liberi assegnati alle ospiti riducono il vantaggio a 3 punti (50-47),il cronometro scorre implacabile e gli ultimi istanti del match regalano la consapevolezza,a tifosi e squadra,che un’altra impresa,frutto di forza mentale e di volontà di gruppo ritrovate,è ormai realtà.La sirena finale è suono dolcissimo e liberatorio per tutti coloro che hanno voluto fortemente tutto quanto è accaduto:sognare è possibile,per credere che i sogni si avverino ci vuole passione.FORZA WALLABY!!Tabellini: BFR Margonar L. 3,Noro C. 3,Piccinni A. 7,Scarciello S. 14,Tela A. 2,Ferrigolli F. n.e.,Ciech V.(K) 10,Pezzato G. 5,Sguazzardo C. 2,Guglielmetti G. 4,Grande S.,Prezzi M. n.e.All. Debiasi,acc.Michelotti.Virtus Venezia Mainenti J.(K) 13,Casagrande E.,Cimitan A. 19,Prosdocimo M. 1,Rinaldo M.,Toffano E. 2,Collarin A. 10,Paties C. 2,Scarpa A.All. Paganino,acc. Bascelli.